lunedì 28 settembre 2015

Bagna Fèrgia o Salsa fredda estiva

BAGNA FÉRGIA

Salsa fredda estiva

Bagna fèrgia

In pochi sanno che oltre alla famosa e mitica Bagna Càoda esiste anche la “Bagna fèrgia” ovvero fredda che è una specialità di Villanova d’Asti.

Come noterete vi è una notevole somiglianza tra la “bagna fèrgia” e la “Anchoide” Provenzale.
Gli ingredienti di questa bagna sono sostanzialmente gli stessi di quella càoda e si mangia anche questa con le verdure ma il contesto è opposto, giornate calde e pranzi e cene nei cortili all’aperto.

La “Bagna fèrgia” oltre che con le verdure cotte o crude è buonissima da mettere sulle bruschette e come condimento per pasta o riso.

Tipologia: salsa
Porzioni : 4
Gusto: saporito
Tempo di preparazione: 1 h + 30 ‘ di ammollo delle acciughe
Difficoltà: facile
Abbinamento: Grignolino o Arneis

Ingredienti

* Acciughe sotto sale “varietà Spagna” 200 g
* Olio e.v.oliva 250 g.
* Aglio 2 spicchi
* pepe nero q.b.
* Verdure miste:
cavolo, peperoni, gambi di sedano, pomodori, cipollotti, etc…

martedì 7 aprile 2015

Minestra “Tempesta” in Brodo di Gallina

TEMPESTA IN BRODO DI GALLINA
Antica Minestra Alessandrina

Minestra - tempesta - in brodo di gallina

La”tempesta” in brodo di gallina è anche questo un primo piatto antichissimo e lo troviamo in provincia di Alessandria e la loro origine riporta ai più famosi “passatelli” Emiliani e questo conferma l’influenza della cucina Padana nel basso Piemonte.

La “tempesta” in brodo di gallina era un piatto molto raffinato e veniva servito nei pranzi o nelle cene importanti.

Il nome “tempesta” viene dal fatto che in Piemontese la parola tempesta significa nella maggior parte dei casi la “grandine” e le palline che compongono questo saporito piatto assomigliano, appunto, a chicchi di grandine.

La buona riuscita di questa ricetta deriva principalmente dalla qualità del brodo e quindi dalla gallina che deve essere ruspante e non giovanissima.
L’altra parte della gallina potete servirla come secondo accompagnata dalle famose salse Piemontesi, vanno benissimo quelle del bollito misto.

Tipologia: primo piatto
Porzioni : 6
Gusto: saporito
Tempo di preparazione: 1 h e 30’
Difficoltà: medio – facile
Abbinamento: Grignolino

Ingredienti

gallina 1/2
carota 1
cipolla rossa piccola 1
sedano 1 costa
uovo 3 tuorli
pane casereccio raffermo grattugiato 60/80 g
sale q.b.
pepe.q.b.
noce moscata 1 pizzico
zafferano 1 pizzico (optional)
parmigiano grattugiato q.b.

lunedì 16 febbraio 2015

Torta di Patate alla Piemontese

TORTA DI PATATE ALLA PIEMONTESE
Ricetta del Val Germanasca

In cucina

La Torta di Patate si cucina un po’ in tutta Italia, quella che vi presento è quella Piemontese e ancor meglio della Val Germanasca.

Pochi ingredienti, facile da preparare la Torta di Patate si può gustare sia calda che fredda, come antipasto o contorno ed è un piatto classico da portare nei pic-nic primaverili.

 

 

 

 

 

Tipologia: contorno – antipasto
Porzioni: 4
Tempo di preparazione: 75 min. + il riposo
Difficoltà: facile
Sapore: delicato
Abbinamento: dolcetto d’Alba

Ingredienti

* patate 4
* grana padano 1 etto
*
uova 2
* farina 200 g
*
olio e.v. oliva q.b.
* aglio 2 denti
* prezzemolo 1 ciuffo
* timo 1 rametto
* sale q.b.
* pepe q..b.

sabato 7 febbraio 2015

Fagioli al Tegame alla Cuneese

FAGIOLI AL TEGAME
Contorno della Prov. di Cuneo

Fagioli di Cuneo

Una ricetta della Provincia di Cuneo, quella dei “fagioli al tegame alla Cuneese” che si tramanda di generazione in generazione e, quasi, come sempre si tratta di ricette contadine che esaltano la bravura delle nostre nonne e bisnonne nel creare con pochi e poveri ingredienti piatti dal gusto unico.

La ricetta dei fagioli al tegame alla Cuneese contiene pochissimi ingredienti e chi ha la fortuna di avere un orto li può tranquillamente coltivare. Per questa ricetta usiamo la varietà “Fagiolo di CuneoPAT ma è già stata richiesta la certificazione IGP.

Porzioni: 4
Tipologia: contorno
Tempo di preparazione: 40 min
Difficoltà: facile
Gusto: saporito
Abbinamento: barbera giovane

Ingredienti:

* fagioli freschi 450 g
* carota 1
* alloro 1 foglia
* cipolla 1
* prezzemolo 1 ciuffo
* sedano 1 costa
* chiodi di garofano 1
* succo di 1 limone
*
burro 70 g
* sale q.b.
* pepe q.b.

No al pignoramento degli animali domestici

In Italia gli animali domestici possono essere pignorati come se fossero degli oggetti - Firmate la petizione

Gatto_cane

E’ sottoscrivibile online al link http://change.org/giulezampe per presentarla poi al Governo. 

Cani e gatti possono essere pignorati, la legge italiana considera gli animali domestici come dei semplici oggetti con un valore monetario.

Per molti italiani, 4 su 10, gli amici a quattro zampe sono dei veri e propri componenti della famiglia.

E' per questo motivo che è partita la campagna #giulezampe promossa da Tessa Gelisio. La conduttrice è anche ambientalista e Presidente di ForPlanet Onlus. La Gelisio ha deciso così di sponsorizzare la petizione social su charge.org. Gli animali da compagnia "hanno sentimenti che nessun perito o tribunale può stimare".

lunedì 2 febbraio 2015

Antico dolce Piemontese

ANTICO DOLCE PIEMONTESE
Dolce al cucchiaio

Dolce piemontese

Un antico dolce  di origine Piemontese che mi è stato inviato da Luisella una delle primissime lettrici del blog.

Questo è il dolce che preparava sua nonna e ne ha ricostruito gli ingredienti e la preparazione. Essendo la lettrice della provincia di Torino diciamo che questa sia anche la sua origine.

Vediamo come preparare questo dolce al cucchiaio che assomiglia un po’ al tiramisù e che deve essere davvero buono.

 

 

Porzioni: 4
Tipologia: dolce
Tempo di preparazione: 1 ora + 4/5 di frigo
Difficoltà: facile
Sapore: delicato
Abbinamento: Brachetto d’Asti

Ingredienti

* mascarpone 300 g
*
burro 150 g
* zucchero 6 cucchiai
* zucchero vanigliato 1 bustina
* rossi d’
uovo sodi 2
* biscotti savoiardi 20
* scorza grattugiata di 1 limone
* tazzina di caffè zuccherato 1
* marsala secco 1 bicchiere
* brandy 1 cucchiaio
* acqua poche gocce
* cioccolato al
latte 100 g

giovedì 22 gennaio 2015

Ricetta delle Bugie – Le “Busie” Dolce di Carnevale Piemontese

BUGIE O “BUSIE”

DI CARNEVALE

Il classico dolce di carnevale Piemontese

Bugie

Le “bugie” a Torino e in Piemonte sono da sempre simbolo del Carnevale, in altre parti d’Italia le troviamo con il nome “chiacchiere”, “lattughe”, “gasse”, “galani”,   “frappe” ….e sostanzialmente si tratta di dolci di pasta fritti.

Le bugie si trovano in tutte le panetterie, pasticcerie e supermercati, secche fritte o al forno, ripiene di marmellata o Nutella, insomma per tutti i gusti.

Innanzitutto le “bugie” devono essere fritte, non ha senso una bugia cotta a forno, non è una bugia, si mangiano poche volte quelle poche volte mangiamo quelle vere e buone.

Le migliori “bugie, busie” in assoluto sono quelle fatte in casa, quella che vi presento è quella classica Astigiana che si differenziano dalle altre, che si preparano in Piemonte, per la loro leggerezza

Tipologia: dolce
Porzioni: 6 persone
Tempo di preparazione: 90 minuti
Difficoltà: medio/facile
Sapore: dolce
Abbinamento: Moscato d’Asti docg 

Ingredienti

* farina “00” 500 g
*
zucchero in polvere
*
uova 2
*
burro 50 g
*
rhum 1 bicchierino
*
olio di semi di girasoli per friggere
*
acqua per impastare

mercoledì 21 gennaio 2015

Insalata di Riso alla Piemontese

INSALATA DI RISO

ALLA PIEMONTESE
Ricetta classica

Insalata di riso alla Piemontese

L’insalata di riso “Salada ‘d ris” in Piemontese, è sicuramente uno degli antipasti più conosciuti e preparati in tutta la nostra regione.

L’insalata di riso alla Piemontese non ha delle regole vere e proprie, ognuno la prepara a modo suo e molte volte con gli ingredienti che ha in casa e anche in base alla stagione.

Come sempre, in questi casi e dopo ricerche, cerco di scrivere quella che più dovrebbe avvicinarsi alla ricetta originale dell’insalata di riso alla Piemontese.

 

 

Tipologia: Antipasto
Porzioni: 4 persone
Difficoltà: Facile
Tempo di preparazione: 1 ora
Sapore: delicato
Abbinamento: Cortese di Gavi

Ingredienti

* riso 300 g
* olive verdi e nere 100 g
* funghetti sott’olio 50 g
* carciofini sott’olio 50 g
* citriolini 50 g
* capperi 50 g
* peperoni rossi/gialli sott’olio 50 g
* tonno sott’olio 100 g
* acciughe di spagna 2
*
uovo sodo 1
* succo di limone 1
*
olio e.v. oliva  1/2 bicchiere
* sale q.b.
* pepe q.b.

n.b. potete aggiungere pezzetti del vostro formaggio preferito perfetti il “Raschera”

mercoledì 14 gennaio 2015

Rolatine di Vitello alla Torinese

ROLATINE DI VITELLO

ALLA TORINESE
Ricetta classica di famiglia

Rolatine alla Torinese

Rolatine ripiene alla moda di Torino, è esattamente la ricetta che cucinava mia suocera e devo dire sono le migliori che abbia mai assaggiato.

In effetti la ricetta delle rolatine guardando qua e là  sembra proprio originaria di Torino o zone limitrofe anche se ovviamente le troviamo un po’ ovunque con qualche variante.

Le rolatine alla Torinese sono un piatto che si può cucinare in ogni occasione ed è anche un classico piatto dei pic nic nei prati.

Tipologia: secondo
Porzioni: 4
Difficoltà: medio/facile
Tempo di preparazione: 60 minuti
Gusto: saporito
Abbinamento: Dolcetto d’Alba

Ingredienti

* coscia di vitello di fassone piemontese 4 fette

Per il ripieno

* prezzemolo 1 ciuffo
*
peperone giallo 1
* peperoncino rosso piccante 1
*
aglio 2 fische
*
carote 2
*
sedano 1 costa
*
cipolla 1
*
sale q.b.
*
pepe q.b.

Per il soffritto

* cipolla 1
*
carota 1
*
sedano 1costa
*
vino bianco 1 bicchiere
*
brodo 1 bicchiere
*
olio e.v.oliva 1/2 bicchiere
*
sale q.b.