mercoledì 26 novembre 2014

Dizionario Gastronomico Piemontese - Italiano

DIZIONARIO GASTRONOMICO
PIEMONTESE – ITALIANO

Dizionario Gastronomico Piemontese - Italiano


Come tutti, purtroppo, sappiamo le antiche ricette, quelle tradizionali si stanno perdendo e me ne rendo conto quando vado alla ricerca delle origini di questi piatti e scopro tipi di cottura, ingredienti e tradizioni di cui non avevo mai sentito parlare.

Ma più delle ricette sta scomparendo il parlare Piemontese, in cucina, come in cantina o nei negozi pochissimi usano vocaboli della nostra lingua “Il Piemontese è una lingua” e questo è un problema perché stanno scomparendo e con essi  la nostra cultura e le nostre tradizioni.

Per questo ho voluto scrivere un piccolo dizionario gastronomico Piemontese – Italiano con i termini più usati, proprio per incuriosire e stimolarne l’uso. Per quanto possibile vi chiedo di farlo girare e farlo conoscere.

A
Abocant: di sapore amabile, si dice del vino
Abstemi: astemmio
A chërpa pansa: a crepapelle, mangiare a sazietà
Adossì: dolcificare
Afamà: affamato
Agher: agro, acerbo
Agnel: agnello
Agnolot: agnolotto
Aj: Aglio
Amel: miele
Amid: amido
Anbossor: imbuto
Anbotalé: mettere il vino in botte
Anbudlé: sistemare la carne nei budelli per fare salumi o salciccie
Anciova: acciuga
Anfarinè: infarinare
Anformagè: condire con formaggio gratugiato
Anfornè: infornare
Anguila: anguilla
Ánja: anatra
Anlardè: lardellare
Anlardoira: strumento da cucina che serve per lardellare
Anmenstrè: scodellare la minestra
Anis: anice
Anpevrè: condire con pepe
Antinè: porre l’uva nel tino al tempo della vendemmia
Antipast – Antrè: antipasto
Anvia: voglia, “fe vnì l’anvia” cioè far venire l’acquolina in bocca
Aptìt: appetito
Aquareul: venditore di acqua
Acquavital: venditore di acquavite
Arbricòch: albicocco
Arengh: aringa
Arësca: lisca
Argalissia: liquirizia
Armnè la pasta: lavorare la pasta
A rost: arrosto
Arpaté: ristorare, rifocillare
Arcàudè: riscaldare
Artajor: pizzicagnolo
Articiôch: carciofo
Asil: aceto
Asinel: acino d’uva
Assagè: assaggiare

B
Bafra:
cibo, alimenti
Bafrada: abbondante mangiata
Bagna: salsa
Balòta: polpetta
Basalicò: basilico
Beive:
bere, “beive a p’citi sors”, cioè bere a piccoli sorsi, sorseggiare
Bërgna: prugna
Bëscotà: biscotto, biscottato
Beuj: bollore:, “ lvè el beuj” cioè cominciare a bollire
Bicer: bicchiere
Bignëta: frittella
Bivëur: gran bevitore
Boconiè: sbocconcellare
Bodin: sanguinaccio, vivanda fatta di sangue di porco
Bolè: fungo
Bòndiola: specie di salame cotto
Bota: bottiglia
Botal: botte
Brasa: brace
Breu o brod: brodo
brindor: brentatore, trasportatore di vino
Broè: lessare
Bro coli: broccoli
Bronss: ubriaco
Bross: qualità di formaggio molto forte e assai fermentata
Burera: zagola
Butir o Bur: burro

C
Cafè: caffè
Camomila: camomilla
Canavëta: strumento per portare fiaschi e bottiglie
Candì: candito
Canela: cannella
Canestërle: colui che fa cialde e simili
Caudera: caldaia, calderone
Capon: cappone
Carnabugia: origano
Carpioné: marinare, lasciar insaporire nell’aceto
Cassul: ramaiuolo
Cassulè: servire la minestra
Cavagn: paniere, canestro
Chërpairon: gran mangiatore
Chërsensa: facaccia
Cheuit: cotto
Ciapulor: mezzaluna, strumento da cucina per tritare carni, erbaggi
Cicolata: cioccolata
Cioch: ubriaco
Cisi: ceci, “cisrà” cioè ceci rotti che si mangiano per lo più nella minestra
Cocomer: cetriolo
Cöj cavolo
colì: sugo di carne che si posa sotto il grasso degli arrosti
Condì: condire
Cossa: zucca
Cotel: coltello
Cotlëta: costoletta, braciola
Cuercè: mettere il coperchio ad una pentola
Cunì o Cunij: Coniglio
Cusinera: cuoca

D
Damigiana
: damigiana
Datero: dattero
Dësgranè: sgranare, togliere i legumi dal bacello
Dësgrassè: sgrassare
Dësplojè: sbucciare, “dësplojè la melia” cioè spannocchiare
Dësprontè: sparecchiare
Dëssalè: dissalare, tenere a mollo i salumi per privarli del sale
Dëstilè: distillare
Dëzuenè: far colazione
Disnè: pranzo, “ fe da disnè” cioè: preparare da mangiare
Dobion: colabrodo
Doja o doj: orciolo, piccola brocca, “aossè la doja” cioè alzare il gomito, bere
Doss: dolce, “doss d’sal” con poco sale, insipido, “doss e brish” agrodolce
Dsaptità: inappetente

E

Ebollission: ebollizione
Erbette: bieta
Erca: madia
Euli: olio, “ condiment d’euli e sal cioè pinzimonio
Euv: uovo, “euv a la greuja” cioè uova lessate, “euv al cirighin” cioè uova fritte

F
Fasan: fagiano
Faseul: fagiolo
Fasolet o Fasolin: fagiolini
Fërse: frattaglie trite di maiale
Fi: fico
Fiasch: fiasco
Fidej: qualità di pasta simile ai vermicelli
Fidigh: fegato
Fiësca: spicchio
Fogassa: focaccia
Fojot: tegame
Fondicaria: drogheria
Formagg: formaggio
Forn: forno, “gavè dant el forn” cioè sfornare
Fricassè o Friciolè: friggere
Friceul: frittella
Frità: frittata
Fròla: fragola
Fruta: frutto, “frutassè” cioè venditore di frutta

G
Gabiola: cestino di vimini in cui si asciuga il formaggio
Galet: pollastro
Galuparia: ghiottoneria, leccornia
Galupè: mangiare con avidità cose ghiotte
Gargöta: taverna, osteria
Gatö focaccia, schiacciata
Geladin-a: gelatina, brodo rappreso
Ghërsin: grissino
Gianbela: ciambella
Gianbon: prosciutto
Giancheti: latterini, pesciolini di mare piccolissimi
Giata: piatto
Giocà: ricotta
Giunè: digiunare
Gnòch: gnocchi
Golà: sorso, sorsata “ beive a p’cite golà” cioè bere a piccoli sorsi
Goliard: ghiottone
Grass: grasso
Grujera o Gruera: gruviera
Gruss: crusca
Gustè: gustare

I
Ingredient:
ingredienti
insipid: insipido
Intingol: intingolo, manicaretto

L
Lacet:
animella, “lacet d’mans” cioè animella di manzo
Lait: latte, “lait desfiorà” cioè latte privato della panna
Laità: siero di latte
Laitua: lattuga
Làur: alloro
Lardion: lardello, “lardoira” cioè strumento da cucina per lardellare
Lasagnor: mattarello, spianatoio
Levà: lievito
Limon: limone, “limonè” cioè venditore di limoni

M
Macaron: maccherone
Magher: magro
Magioran-a: maggiorana
Mandola: mandorla
Mangè: mangiare
Mangion: gran mangiatore
Manigot: lattuga
Marendòla: piccola merenda
Mariura: uova batture con il formaggio grattugiato con cui si condiscono alcune vivande
Marmlada: marmellata
Marsapan: marzapane
Mascarpon: mascarpone
Maslé: macellaio
Mastiè: masticare
Mërluss: merluzzo
Mica, Micon: pane, pagnotta grande
Mitonè: si dice di cibi che si lasciano cuocere a fuoco lento
Mlon o Melon: melone
Mnestra: minestra
Mnù: frattaglie, interiora di pollo
Molèa: mollica
Monparelie: lasagne fini e sottili
Mortadela: mortadella
Motonè: venditore di carne di agnello e castrati

N
Nespo: nespolo
Ninsòla: nocciola
Nos: noce

O
: orata
Oblìo: cialdone
Ochet: papero, oca giovane
Ofeuggio: alloro
Ola: pentola
Oliè: condire con olio
Orangiada: aranciata
Ordeuvre: antipasto
Ortaja o Ortagi: erbe che si coltivano negli orti
Onza: lonza di vitello
Orzà: orzata
Östa, Östo: ostessa e oste

P
Paciada: gran mangiata
Padela: padella
Pagnòta: pagnotta
Paireul: paiolo
Pairolè: artigiano che costrisce arnesi da cucina
Pan: pane, “pan pist” cioè pan grattato
Panada: minestra di pane sminuzzato cotto nel brodo
Panè: panare
Passant: cibo molto digeribile
Passoira: colino
Past: pasto
Pastissè: pasticcere
Pèiver: pepe
Pēnansēmo: prezzemolo
Persi: pesca
Pess: pesce
Piat: piatto, “piatlin” manicaretto
Pignata: pentola di terracotta
Pitansa: pietanza
Pito: tacchino
Pola: pollastra
Polajè: venditore di pollami
Por: porro
Pom: mela
Pòrss: porco
Portugal: arancia
Povron: peperone
Primissia: primizia
Prontè la tàula: apparecchiare
Pruss: pera

Q
Quaja:
quaglia
Quajà: quagliata, latte quagliato
Quajëte: piccole braciole avvolte su se stesse
Quartret: quarto di agnello o di capretto

R
Raireul:
paiolo
Ragò: ragù
Ragotè: condire
Ranè: venditore di rane
Rava: rapa
Raviòla: raviolo
Rison: riso non ancora brillato
Rola: mallo della noce
Rom: rum
Rosì: rosolare
Rosmarin: rosmarino
Rosòli: rosolio
Ròst: arrosto, “rustì” cioè cucinare arrosto

S
Sal: sale
salada: insalata, serne la salada cioè pulire l’insalata
Salameuira: salamoia
Salè: salare
Salin: saliera
Sanbajon: zabaione
Sandon: strutto
Sansip: zibibbo
Sàussa: salsa
Sautissa: salciccia
Sarvia: salvia
Savurì: saporito
Scapecè: marinare
Schanch d’uva: stralcio di grappolo d’uva
Scudela: scodella
Scumòira: ramaiolo bucherellato
Seder o sitron: cedro
Semada: orzata
Sepia: seppia
Seuta: chioccia
Siass: setaccio da farina
Sina: cena
Siola: cipolla
Sofra: zafferano
Spars: asparagi
Spessie: spezie
Stofà: stufato
Stofor: pignatta di terracotta per stufato
Subrich: frittella
Sucher: zucchero
Sugh: sugo
Supèra: zuppiera
Sussanbrin: giuggiola

T
Tacada: scorpacciata, “dè una bon-a tacada” cioè fare una grossa mangiata
Tajet dle trifole: arnese per tagliare sottilmente i tartufi
Taula: tavola
Tapari: cappero
Tartifla: patata
Timid: timo
Tirabosson: cavatappi
Todeschin: piccolo pane a forma di bastone
Tomatica: pomodoro
Tonn: tonno, “tonn a l’euli” cioè tonno sott’olio
Toron: torrone
Tortel: tortello
Tovaja: tovaglia
Trifola: tartufo
Tripa: trippa, “trippè” cioè venditore di trippe

V
Vociarin:
formaggio di vacca delle montagne della Savoia
Vanilia: vaniglia
Vassela da taula o da cusin-a: stoviglie
Vendumia: vendemmia
Verdurera: venditrice di verdure
Vin: vino
Viraròst: girarrosto
Vis: vite

n.b. non me ne vogliate per eventuali ed inevitabili errori di ortografia…..e se qualcuno volesse aggiungere vocaboli è il benvenuto.

         Sergio

1 commento:

  1. La crusca in Piemontese si chiama anche - Brèn

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.