lunedì 14 ottobre 2013

Lasagne Povere Piemontesi

Lasagne Povere

Piemontesi

Cucina - Focolare

Un’altra ricetta della “Ricca” Cucina Povera Piemontese, questa volta localizzata nella Provincia di Alessandria.

La ricetta delle Lasagne “povere” Piemontesi ancora una volta ci sottopone l’ingegno che, le donne del focolare Piemontesi, mettevano per preparare dei piatti “della domenica” anche quando mancavano gli ingredienti principali come, in questo caso, la carne.

Anche se nessuno di noi preparerà mai le lasagne in questo modo è giusto che questi piatti che sono parte integrante della tradizione Piemontese non vengano dimenticati.

Ingredienti per le Lasagne Povere Piemontesi (4 persone)

Per la pasta:

  • 400 g di farina sale
  • 4 uova

Per il condimento:

  • fagioli borlotti secchi 400 g
  • pancetta 200 g
  • salvia 4 foglie
  • patate 2
  • spicchi d’aglio 2
  • olio e. v. d’oliva ½ bicchierino
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.

Preparazione

Mettete a bagno in acqua tiepida i fagioli secchi almeno un giorno prima. Se usate fagioli in barattolo potete saltare questa fase (consiglio comunque quelli secchi). Trascorso questo tempo, fate bollire i fagioli secchi in abbondante acqua salata, pungendoli con i rebbi di una forchetta per saggiare quando cominceranno ad ammorbidirsi.

Pelate e tagliate a tocchetti le patate, aggiungetele ai fagioli e fatele bollire per venti minuti circa.

Su una spianatoia disponete la farina a fontana , rompeteci le uova nel mezzo e impastate, aggiungete un pizzico di sale, fino a ottenere un composto sodo e liscio. Tiratela sfoglia col matterello, poi, con la rotellina dentata, tagliate delle losanghe, che lascerete seccare sulla spianatoia.

In una padella fate rosolare nell’olio gli spicchi d’aglio, la salvia e la pancetta tagliata a dadini, fino a quando vedrete che prende colore, quindi unite il soffritto alla pentola con fagioli e patate.

Mescolate e unite anche le losanghe di sfoglia, lasciandole cuocere al dente. Salate, pepate con abbondante pepe nero e servite.

Se questa ricetta ti piaciuta condividila su Facebook, Twitter e Google+.

                 Zia Fiorella

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.