domenica 9 dicembre 2012

Ferran Adrià - Chef

Ferran Adrià Acosta nasce il 14 maggio del 1962 a L'Hospitalet de Llobregat, in Catalogna (Spagna). Inizia la propria carriera in cucina a soli diciotto anni, nel 1980, quando lavora all'"Hotel Playafels" di Castelldefels come lavapiatti: lì, nei momenti di pausa, il cuoco dell'albergo gli insegna a preparare alcuni piatti catalani.

Ferran-Adria_El-Bulli

L'anno dopo si trova a svolgere la mansione di cuoco anche durante il servizio militare, mentre nel 1984 entra a far parte di "El Bulli", del quale diventa lo chef diciotto mesi dopo.

Da quel momento, prende il via una delle più straordinarie storie di cucina mai viste, che portano Ferran Adrià ad essere considerato al giorno d'oggi uno degli chef migliori del mondo, e addirittura, secondo una lista pubblicata dal "Time", una delle cento persone più influenti in tutto il mondo.

Il nome di Adrià è associato alla cosiddetta gastronomia molecolare (inventata con la collaborazione dell'inglese Heston Blumenthal nei primi anni Novanta), attraverso la quale egli desidera dare vita a contrasti di colori, sapori e temperature. La cucina del cuoco catalano è fatta in primo luogo di sorprese e provocazioni.

Secondo Ferran, il cliente di "El Bulli" non desidera mangiare, ma semplicemente provare un'esperienza nuova, all'insegna dell'umorismo e dell'ironia. Tra i piatti proposti, pesce caramellato, carne di cacciagione al cappuccino, baguette al mojito, e un costante ricorso alle spume, realizzate con uno strumento semplice quanto straordinario: il sifone.

Il mondo impazzisce per questo ristorante sulla Costa Brava, ormai diventato una sorta di tempio, con due milioni di persone che ogni anno si mettono in lista d'attesa per accaparrarsi i cinquanta posti a tavola a disposizione ogni sera. "El Bulli", tuttavia, chiude nel 2011: l'ultimo servizio viene effettuato il 30 luglio.

Il locale aprirà solo nel 2014, come fondazione: la Fondazione Bulli sarà inaugurata ufficialmente a Cala Montjoi, e coinvolgerà, per la sua realizzazione, le università di Columbia, Berkeley e Harvard, oltre alla London School. Nel frattempo Adrià si dedicherà a nuove e interessanti ricerche in ambito culinario, nel tentativo di portare innovazioni e nuove proposte nella cucina internazionale.

Detentore di tre stelle Michelin e primo per tre anni consecutivi nella classifica pubblicata da "Restaurant (magazine)", Ferran Adrià (che era solito tenere aperto il proprio ristorante solo alcuni mesi all'anno, per dedicarsi, nel resto del tempo, al laboratorio El Taller di Barcellona in cui venivano sperimentati nuovi piatti) nel corso della sua carriera a pubblicato diversi libri: "El Bulli 1983-1993" (con Juli Soler e Albert Adrià), "El Bulli: el sabor del Mediterráneo", "Los secretos de El Bulli", "El Bulli 1994-1997" (con Juli Soler e Albert Adrià), "Cocinar en 10 minutos con Ferran Adrià", "Celebrar el milenio con Arzak y Adrià" (con Juan Mari Arzak), "El Bulli 1998-2002", "El Bulli 2003-2004", "El Bulli 2005", "Un dia en El Bulli (questi ultimi quattro con Juli Soler e Albert Adrià) e "FOOD for thought THOUGHT for food".

Tratto da: biografie online

    Zia Fiorella

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.