sabato 31 dicembre 2011

Cisrà o zuppa di ceci all’Astigiana

La cisrà (zuppa di ceci) Astigiana, bisogna specificare la zona in quanto la cisrà è tipica di due zone del Piemonte Astigiano e Langhe ma tra le due versioni ci sono alcune sostanziali differenze.

Molteplici sono comunque le differenze da paese a paese o anche in base al periodo dell’anno e alle verdure che troviamo nell’orto.

La cisrà (zuppa di ceci) è anche considerato un piatto unico e questa ricetta che vi propongo può esserlo sicuramente basta vedere gli ingredienti.

Image

Ingredienti per la cisrà (zuppa di ceci) Astigiana (4 persone)

  • ceci secchi 300 g.
  • cotiche di maiale fresche 100 g.
  • porro 1
  • patata 1
  • foglie di cavolo verza  2/3
  • rapa  piccola 1
  • cipolla media 1
  • sedano 1/2 cuore
  • aglio 1 dente
  • rosmarino 1 ramettino
  • alloro 2 foglie
  • salvia 2 foglie
  • prezzemolo 2/3 gambi
  • farina bianca 15 g.
  • olio extravergine di oliva 1/2 bicchiere
  • fette di pane casereccio 4
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione

Mettete a bagno i ceci per 24 ore evitando di aggiungere il bicarbonato che ne altera un po’ il sapore.

Prendete la cotica di maiale ( che avrete fatto pulire bene dal macellaio) e mettetela a bollire in una piccola casseruola (per far perdere un po’ di grasso) quindi toglieetela e tagliatela a listarelle sottili.

In una pentola di terracotta mettete i ceci che avrete scolato ma non lavato, 2 cucchiai d’olio extravergine di oliva e la farina bianca.
Mescolate bene bene fino a disfare un pochino i ceci, quindi coprite con acqua fredda ed aggiungete la cipolla e l’aglio tritati, i sapori che avre unito in un mazzetto e le strisce di cotica preparate in precedenza. Salate e pepate a gusto.
Fate bollire il tutto e cuocete per 2 ore a fuoco basso mescoolado di tanto in tanto con un cucchiaio di legno e se mancasse acqua aggiungetene.

Pulite e lavate il porro, la carota, il sedano, e la rapa, tagliateli a striscioline e versatele nella pentola con la patata intera (sbucciata e lavata) e fate cuocere per altri 60 min. circa.

Al termine delle tre ore circa di cottura togliete la pentola dal fuoco, schiacciate la patata, condite con un pochino d’olio, del sale e del pepe nero macinato sul momento.

A questo punto impiattate e servite ben calda in una ciotola di terracotta dovrete sistemato la fetta di pane casereccio su cui avrete fregato dell’aglio e spennellato di olio.

A gusto ognuno potrà aggiungere ancora dell’olio o una ulteriore macinata di pepe nero.

Abbinare con un dolcetto o barbera del Monferrato .

 

     Zia Fiorella

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.