martedì 6 settembre 2011

L'EIGOVITTO–Rara Grappa di Avanà Vallesusa

L'EIGOVITTO - RARA GRAPPA DI AVANÀ VALSUSA

In tutta la zona di produzione, che si dispiega intorno a quella che fino al trattato di Utrecht del 1713 era la linea di confine tra Piemonte e Delfinato (Gravere, Giaglione, Chiomonte, Susa), si sono sempre utilizzate le vinacce di Avanà per distillare una preziosa e rara acquavite.

fotografia dell'Eigovitto, tipico liquore della bassa Valle di Susa e Val CenischiaIl nome con cui questa era chiamata era diverso da località a località, ed i termini impiegati erano molto differenti tra loro, pur essendo le distanze tra i paesi molto ridotte.

La zona di produzione dell’Avanà, infatti, è anche zona di confine linguistico e culturale e si situa al vertice delle zone dell’occitano, del franco-provenzale e del piemontese.

 

Il termine "eigovitto" è quello usato nelle zone più alte di coltivazione dell’Avanà ed è di evidente origine occitana.

In passato la distillazione avveniva in autunno con piccoli alambicchi alimentati spesso con le vinacce esaurite e la produzione è sempre stata quantitativamente molto ridotta, anche se di qualità irripetibile.
L’acquavite è di trasparenza cristallina, di sapore accentuato ed intenso che replica, esaltandolo, il bouquet vivace del vitigno d’origine.
Per l’intensità del gusto deve essere assaporata in piccoli bicchieri a calice ad una temperatura piuttosto bassa (6 - 8° C).

Il prodotto è individuato come prodotto agroalimentare tradizionale del Piemonte, ai sensi del D.Lgs. n. 173/98 con deliberazione della Giunta Regionale 22 gennaio 2001, n. 39 - 2046 alla voce A) Bevande analcoliche, distillati e liquori n. 9

Fonte: cmbvallesusa.it

 

     Zia Fiorella

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.